Questo sito utilizza cookie di tracciamento utilizzati per marketing e statistiche. Per saperne di più

Come Funziona Internet

Prima di capire Come Funziona Internet c'è da sottolineare che sono in molti, quelli che confondono Internet con il Web, ma devi sapere che sono due cose correlate ma differenti.

Per non dilungarmi eccessivamente con tecnicismi, cercherò di spiegarti come funziona internet rispetto ai siti web e sul potenziale che ti può offrire in differenti campi.

Prima di iniziare ti spiego cosa NON è Internet:

  • Internet NON è il Web, il web fa parte della rete di internet.

  • Internet NON è Google, Google è solamente un sito, che fa parte del web, come lo sono anche Facebook, il sito della pizzeria sotto casa tua, e il mio sito personale che stai leggendo ora FabrizioDelrio.com.

Internet è una Rete di Telecomunicazione, un po come la Radio e la Televisione.

  • ha un accesso pubblico e chiunque con un dispositivo detto anche terminale può collegarsi.

  • non ha un proprietario, è delocalizzato in tutto il mondo.

  • è totalmente gratuito.


Immagina di avere un computer, che per semplificare chiamerò Server, dentro la quale c’è il tuo sito web.

A questo computer può accedere chiunque abbia un terminale che si collega alla rete, quindi un cellulare, un tablet, un portatile e via dicendo.

Ora, prendi questo semplice schema, e moltiplicalo per qualche milione di volte e distribuiscilo su tutto il pianeta.

Ecco, questa è l’immagine che può definire la rete di Internet, un immensa rete di cavi collegati in tutto il mondo,  alcuni dei quali che passano sotto gli oceani e collegano i continenti. 

Infatti devi sapere che l’infrastruttura internet è ancora perlopiù basata su un collegamento fisico, e solo attualmente si sta cercando di portarla via etere tramite i satelliti.

Internet: Come è nato e perchè

Internet ha avuto origine durante gli anni sessanta negli Stati Uniti d’America, come un nuovo sistema di difesa e controspionaggio, conosciuto anche come Arpanet.

Senza entrare troppo nei dettagli storici, la data che ha senso ricordare è il 1991, quando in Svizzera, al CERN di Ginevra venne definito il protocollo HTTP e pubblicato il primo sito web.

Nasce così il Web che conosciamo ai giorni nostri.

Se sei curioso, puoi visitare il primo sito web della storia.

Cosa è e come funziona il protocollo HTTP

Il protocollo http, ha permesso la lettura ipertestuale e quindi non-sequenziale dei documenti tramite l’utilizzo dei ormai famosi link.

In sostanza, ha permesso l’accesso a documenti (che possono essere di qualsiasi forma, testo, video, immagini, audio) tramite un link, indipendentemente da dove si trovi fisicamente il documento richiesto.

Come funziona questo protocollo HTTP?

Si basa sul concetto di Client e Server, nella quale il server è il terminale che contiene i documenti e il client è il terminale che richiede i documenti.

In sostanza, il Client fa una richiesta HTTP al server, che in caso di esito positivo della richiesta, risponde restituendo il documento richiesto.

Come Funziona Internet - protocollo http

Questo protocollo è alla base del web, assieme al sempre più usato protocollo HTTPS, che a differenza del primo, invia i dati in forma criptata, aumentando di fatto la sicurezza nella trasmissione e ricezione dei dati.

Come Funziona Internet - protocollo https

Ma come fa un terminale a sapere a quale altro terminale collegarsi?

Devi sapere che i terminali si identificano in maniera univoca tramite un indirizzo chiamato IP (internet protocol).

Cosa è l’indirizzo IP?

L’indirizzo IP e precisamente l’IPv4, è un indirizzo formato da una serie di 4 numeri con un valore compreso tra 0 e 255, separati da un punto.

Ma come ci si collega ad un server?

Si utilizza il Client, un software installato sul sul dispositivo che corrisponde generalmente al Browser. 

Il browser attualmente più utilizzato è Google Chrome, che negli ultimi anni, ha rimpiazzato il vecchio Internet Explorer. 

Prova a fare un esperimento.

Scrivi il seguente indirizzo ip sulla barra degli indirizzi del tuo browser: 172.217.14.228 oppure scrivi 17.172.224.47

Nel primo caso ti colleghi al sito di Google, nel secondo caso a quello della Apple tramite il loro indirizzo ip pubblico.

Appare ovvio che ricordare l’indirizzo ip non è semplice, ed è per questo motivo che ci sono venuti in aiuto i sistemi dei nomi dominio detti anche Server DNS.

Cosa è un Nome Dominio e Come Funziona

Il Nome Dominio è una semplice stringa alfanumerica che generalmente conosciamo come Nome del Sito Web.

Il lavoro sporco viene fatto dai Server DNS tramite un sistema che traduce la stringa alfanumerica definita dal nome di dominio in un indirizzo IP

Quando inserisci il nome del dominio sul browser, ad esempio https:://google.com partirà una richiesta al server DNS che tradurrà il nome nell’indirizzo IP 172.217.14.228 e inoltrerà la richiesta al Server corrispondente che ci restituirà i dati richiesti, in questo caso la home page di Google.

Chi fornisce questi nomi di dominio e come funzionano?

I nomi di dominio si registrano sulle piattaforme di registrazione detti anche registrar, hanno un costo variabile a seconda della piattaforma e le registrazioni iniziali e di rinnovo sono ad incrementi annuali. 

Chiunque può registrare un proprio nome dominio, a prescindere che tu abbia o meno un sito web.

Vista l’importanza commerciale che molti nomi dominio possono avere, ci sono tantissime società che registrano i nomi dominio interessanti, e li rivendono a cifre ben più alte a chi interessato. 

Pensa che il dominio Cars.com è attualmente valutato 872 milioni di dollari.

Nome dominio nel dettaglio.

Come Funziona Internet - Nome Dominio

Nella prima parte, c'è il protocollo utilizzato, in questo caso https con due punti e doppio slash, poi troveremo se presente, il sottodominio, in questo caso www seguito da un punto e per finire il nome dominio, seguito dall’estensione del nome, detto anche TLD che assieme chiameremo Dominio Principale.

In caso di indirizzo senza il sottodominio, troverai solamente il dominio principale.

Esempio: https://google.com

L' importanza del TDL

Uno degli aspetti fondamentali al momento della scelta di un nome dominio, è proprio il TLD, della quale ormai in commercio se ne trovano di tutti i tipi.

Il mio consiglio è quello di acquistare se disponibile solamente il .com e di evitare tutti gli altri. 

Unica eccezione fatta per .it che può andar bene se hai intenzione di realizzare un sito con contenuti esclusivamente in italiano rivolto ad un pubblico che parla la lingua italiana, ma ripeto, se trovi disponibile il .com, è sempre meglio quello.


Dove Acquistare il Dominio

Per quanto riguarda invece il dove acquistare il dominio, il mio registrar preferito è GoDaddy

Ormai sono anni che lo utilizzo, offrono un ottima assistenza in italiano e ha prezzi veramente competitivi.


Differenza tra Web e Deep Web

Hai mai sentito parlare di Deep Web o Darknet?

In genere si pensa subito al classico Iceberg che ci fanno vedere in televisione, dove la punta che esce dall’acqua rappresenta il Web, e tutto il resto il Deep Web, rappresentato come la parte illegale di Internet.

Come Funziona Internet - web e deepweb

Ma qual’è la differenza?

  • Il Web rappresenta tutti i contenuti che si trovano all’interno dei motori di ricerca.

  • Il DeepWeb rappresentano tutti i contenuti che non sono presenti nei motori di ricerca.

  • Infine troviamo il Darknet rappresenta una piccola parte del DeepWeb in cui avviene uno scambio di contenuti illegali a seconda del paese in cui ci si trova.

Come vedi, la parte illegale è solamente una piccolissima parte rappresentata dall’iceberg sommerso, definita appunto come Darknet, mentre il resto del DeepWeb è perfettamente legale e non come viene spesso rappresentato dai media.

Come Funziona Internet - web deepweb e darknet

Esperti stimano che il Deep Web sia 500 volte più grande del web, ma perché tutti questi contenuti non vengono resi pubblici?

Se ci pensi, molti contenuti presenti sul web hanno dati sensibili che per ovvie ragioni non possono essere visibili sui motori di ricerca.

Pensa ai social, la parte riservata del tuo profilo facebook o instagram, o semplicemente le pagine di gestione del profilo sull’account Amazon, sono tutte informazioni non presenti sui motori di ricerca, e per definizione fanno parte del DeepWeb.

Per quanto riguarda il Darknet, si tratta di infrastrutture criptate e anonime, caratterizzate da server che accettano solo richieste da software specifici (browser anonimi come TOR).

Non tutti i contenuti sono illegali, ma buona parte di essi si, in quanto avrebbe poco senso rendere di difficile accesso qualcosa di legale.

Ad oggi, si stima che in rete, ci siano quasi 2 miliardi di siti web, che in rapporto al numero della popolazione mondiale, di quasi 7.8 miliardi di persone, fa un sito ogni 4 persone.

E parlo di siti web, non di pagine o file.

Pensa ai soli contenuti che hanno siti come Wikipedia, Google o Facebook e quanti nuovi contenuti sfornano ogni giorno.

Ti rendi conto di quanto è immenso questo mare di informazioni?

Perché i motori di ricerca hanno rivoluzionato Internet?

Nel 1996, quando ho iniziato ad usare internet, esistevano per lo più le ormai storiche web directory, siti più o meno famosi, dove si andava a inserire il link generalmente della homepage del proprio sito web.

In pratica erano siti che contenevano i link di altri siti, divisi per categorie gerarchiche.

Con gli anni, queste web directory hanno creato dei form di ricerca interni diventando dei piccoli motori di ricerca primitivi.

Pian piano nacquero i primi motori di ricerca. 

In ordine cronologico i più significativi che ricordo personalmente sono:

  • Aliweb (il primo in assoluto)

  • Altavista, che fu il primo motore di ricerca per come lo intendiamo oggi, con oltre 20 milioni di siti indicizzati

  • Arianna e Virgilio per quanto riguarda quelli italiani

  • Poi Google lanciato nel 1998

Dopo Google ne sono nati molti altri, come Bing, Yahoo, Baidu (attualmente il più usato in cina)

Rivoluzione Google.

La rivoluzione, inutile che lo dica, è  stata google, l'attuale motore di ricerca per eccellenza.

Google che grazie a degli spider di ultima generazione, va alla ricerca di tutti i contenuti presenti su un sito web, alla quale assegna un punteggio in rapporto ad una parola chiave generato da oltre 200 fattori di ranking.

In pratica, quando qualcuno inserisce una parola o frase all'interno del suo form di ricerca, Google restituisce una lista di link in ordine di classifica in base al punteggio di ranking assegnato. 

Questa operazione è talmente veloce e precisa, che in genere l’utente trova risposta a ciò che cerca fin dai link presenti nelle prime righe.

Come Entrare nel Mercato Globale di Internet

Si può affermare che i Motori di Ricerca hanno dato vita ad un mercato globale, dove chiunque in possesso di un sito web, ha la possibilità di mettere in vetrina i propri contenuti al mondo intero.

Ora, ancora non ti conosco, non so se sei uno studente, un imprenditore o un semplice curioso, ma in linea di massima funziona così con 4 semplici punti:

  • Realizzi un sito web, che se realizzato da te, è completamente gratuito e qui ti invito a vedere l’articolo su come creare un sito web

  • lo carichi su un server, chiamato comunemente hosting, anche in questo caso, se non ti servono particolari funzioni e non hai troppi contenuti, si può avere in forma completamente gratuita.

  • Acquisti un nome-dominio, con una spesa che va dai 5€ ai 25€ l’anno a seconda del TDL, e dici al server DNS di puntare al sito web.

  • Crei i contenuti del sito web, qualsiasi essi siano e sempre nel rispetto delle leggi.

A questo punto, il sito è Online e visibile su Internet da tutto il Mondo!

Ora non resta altro che farti trovare e iniziare a generare traffico in ingresso. 

Esistono due tipi di traffico, il traffico Gratuito e il traffico a Pagamento.

Il traffico gratuito lo offrono principalmente i motori di ricerca:

  • Informi Google sull’esistenza del tuo sito.

  • Google invierà gli spider a scansionare il sito, e assegnerà un punteggio di ranking a ogni contenuto.

Chiunque cerchi qualcosa di attinente ai tuoi contenuti su google, è probabile che finirà su una pagina del tuo sito in maniera totalmente gratuita.

Il traffico a pagamento è appunto a pagamento,  paghi delle grosse società per pubblicare dei veri e propri annunci sui loro siti, chiamate ADS, quelle che in sostanza vedi un po' ovunque navigando in rete.

I siti attualmente più usati per il traffico a pagamento in Italia sono Facebook e Google, già, perché anche Google ti permette di essere il primo sul suo motore di ricerca, basta che paghi, e a seconda della parola chiave che vuoi posizionare, anche profumatamente. 

Come Funziona Internet: Conclusione

Spero di aver chiarito tutti i punti, non è stato facile sintetizzare, Internet è talmente vasto, che potrei fare un Post per ogni singolo argomento trattato.

Il concetto che mi premeva farti capire, oltre al suo funzionamento tecnico, è l’enorme potenziale di tutto ciò, che è poi anche il motivo per cui è diventato così utilizzato.

Con un investimento minimo, puoi essere visibile in tutto il mondo. 

Se ci pensi, ci sono persone, soprattutto in Italia, che chiedono prestiti di centinaia di migliaia di euro per aprire un attività locale, e si limitano ad un mercato di quartiere o al massimo cittadino.

Spesso non sanno che Internet mette a disposizione un mercato Globale con un investimento nettamente inferiore.

Ora, non sto dicendo di non investire in attività locali, anzi, personalmente adoro le attività locali, ma semplicemente non limitarsi al solo mercato locale, e ti invito a guardare oltre.

Internet ti apre un mondo di opportunità in cui basta un idea per far nascere qualsiasi cosa tu voglia.

Spero che il Post ti sia piaciuto.

Finalmente e per un periodo di tempo limitato, hai la possibilità di parlare direttamente con me!